Comunicazioni del parroco

Carissimi parrocchiani,                                                                                                                                                    volevo ringraziarvi di cuore per la generosità mostrata nell’aderire alla iniziativa “Riempi il piatto vuoto“, organizzata dal CEFA. Sono stati raccolti ben quattro carrelli stracolmi di alimenti, portati in piazza Maggiore, e poi distribuiti alle varie mense presenti nella nostra Diocesi che provvedono ai pasti per coloro che sono nel bisogno. Anche un gruppo di catechesi dei nostri bimbi (V elementare), accompagnati da adulti, ha partecipato direttamente alla “consegna”. GRAZIE DAVVERO A TUTTI!

1634476201649

IMG-20211016-WA0014

IMG-20211016-WA0026

ANNO PASTORALE 2021-2022

               Carissimi parrocchiani, sta prendendo avvio un nuovo Anno pastorale che ci invita a continuare insieme il nostro cammino di vita cristiana e in cui siamo particolarmente impegnati nella accoglienza e introduzione alla vita cristiana dei nostri fratelli e sorelle piuù giovani. Sebbene ancora con le limitazioni dovute alla pandemia di coronavirus (e che riconosciamo necessarie per la tutela della salute di tutti e in particolare dei più deboli), vogliamo riprendere con fiducia ed entusiasmo, cercando anche di fare tesoro di quanto in questo tempo “difficile” abbiamo capito. Vorrei che potessimo riprendere anche le attività che nell’anno pastorale passato avevamo temporaneamente sospeso e che ora appaiono possibili (gruppo biblico, gruppo famiglie, pellegrinaggi, ecc.). Il Signore ci illumini e sostenga in tutto e noi apriamo con fiducia il nostro cuore a Lui e al suo Vangelo.

Vi benedico e vi abbraccio

                                                                      don Roberto

Visita alle famiglie   2021

Carissimi parrocchiani,

                                       in questi giorni ho ripreso la visita alle famiglie con la benedizione, a partire dalle strade che non avevo potuto visitare l’anno scorso per via dell’interruzione delle benedizioni pasquali tramite pandemia.

        Nell’attuale “regime” è possibile visitare la famiglie e portare la benedizione solo su richiesta delle famiglie stesse. Occorre indossare, sia da parte del sacerdote che dai membri della famiglia visitata, la mascherina e la visita non può protrarsi per troppo tempo.

        Per opportuna conoscenza vi faccio presente che sono vaccinato, con ambedue le dosi.

Nei giorni 8 e 9 giugno visisterò le famiglie (che ne hanno fatto richiesta) di via don Gnocchi. Prossimamente vorrei proseguire con le vie Andrea Costa, Municipio e Cerioli. Come già accaduto per via don Gnocchi, le famiglie interessate verranno preavvertite con un avviso cartaceo.

Vi abbraccio e vi benedico.

don Roberto

  

   EMERGENZA CORONAVIRUS

Carissimi parrocchiani,

                                               alla ripresa delle celebrazioni liturgiche, dopo un lungo “digiuno”, ho pensato di condividere con voi alcune riflessioni scaturite durante queste settimane così “inaspettate” e per tanti versi “strane”.

           Il primo pensiero e la preghiera non possono non andare alle vittime di questa pandemia, ai tanti ammalati, a tutto il personale sanitario (e non) che in modo ammirevole da mesi si sta prodigando per la salute di tutti noi  e anche ai tantissimi che hanno garantito i cosiddetti “servizi essenziali”. Nel contempo vorrei ci sentissimo tutti vicini (anche concretamente, come ha subito fattola nostra Chiesa di Bologna con la istituzione del “Fondo S.Petronio”) a coloro che più pesantemente subiscono e subiranno le conseguenze della grave crisi economica in corso , che si preannuncia tutt’altro che breve.

Fatta questa premessa provo a mettere in fila alcuni “punti”, su cui amerei ci potessimo anche confrontare e i tanti altri che sicuramente si possono aggiungere.

  • La pandemia ha innanzitutto messo tutti noi (e tutto il mondo) di fronte alla nostra condizione di fragilità e vulnerabilità; ogni fantasia di “onnipotenza” o “sicurezza” che tante volte ci hanno affascinato si è dissolta molto rapidamente, lasciando spazio spesso solo alla paura e all’angoscia. Forse adesso riusciamo meglio ad accogliere e comprendere parole come “salvezza” e “Salvatore”!

  • Un aspetto evidente di quanto stiamo vivendo è che le nostre vite sono collegate; la cultura dominante, che ci ha condotto ad un forte individualismo, deve lasciare il posto alla constatazione che se ne esce insieme, perché abbiamo bisogno gli uni degli altri. Questa consapevolezza dovrebbe portarci ad una maggiore attenzione, e quindi impegno, nei confronti di quello che la Chiesa chiama  “bene comune”.

  • La “quarantena”, a cui siamo stati costretti, ci ha imposto di fermarci (noi che correvamo sempre), riflettere (noi che spesso non lo facciamo) e d’istinto preferiamo la “distrazione”, ritrovare l’essenziale (ciò che “conta davvero” e dà senso alla nostra vita e al nostro impegno, a cominciare soprattutto dalle persone che abbiamo accanto o che vorremmo accanto), cogliere la preziosità di ciò che abbiamo sempre, anche nella vita di fede (imparando a non darlo per scontato). Implicitamente si è affermato il primato della interiorità, rispetto a quella specie di “Luna Park” in cui sembrava vivessimo, almeno nel nostro mondo. In questo tempo in tanti hanno ritrovato il “gusto” del dialogo con Dio, della preghiera e della partecipazione all’Eucaristia (in streaming o in TV). Dovremo capire come non “disperdere” questo “dono” e capire bene che questo è il “cuore” anche di ogni azione pastorale.

  • Un “frutto” della “sosta” e della maggiore riflessione, oltre alla comunicazione quotidiana della sofferenza e dei disagi arrecati dalla pandemia, ci ha reso più attenti ai più deboli, più solidali 

Molto altro sicuramente si potrebbe aggiungere e mi auguro lo si possa fare insieme, appena possibile. Credo però che possiamo convenire che dobbiamo uscire “cresciuti” e “migliori” da questa esperienza; ritengo che non sia possibile uscirne “neutri”, ma o migliori o…Dio non voglia..peggiori. Ciascuno di noi può verificare per se stesso cosa questo concretamente voglia dire. Amo pensare che come Comunità cristiana possiamo uscire “cresciuti” e riprendere con gioia il cammino comunitario “visibile”, mentre l’altro…non si è mai arrestato.

Vi benedico

don Roberto

Carissimi parrocchiani,

                                            stiamo vivendo qualcosa di assolutamente “nuovo” e inaspettato, che ha sconvolto in qualche modo le nostre vite, i nostri “ritmi”, le nostre abitudini e che ci invita a riflettere, per cambiare e preparare ciò che sarà dopo la fine della pandemia.

        Anche la nostra vita parrocchiale in queste settimane è stata profondamente mutata, in buon parte “fermata”, e ci ha portati a concentrarci sulla preghiera, l’ascolto della Parola di Dio, la riflessione e il tentativo di mantenerci in qualche modo “vicini”. Abbiamo dovuto vivere il “primato” di ciò che è interiore rispetto a ciò che è esteriore…ma questo è certamente un aspetto prezioso della “prova” che stiamo vivendo. Ci ha aiutato molto in queste settimane la “guida” del nostro Arcivescovo che ci raccoglie ogni giorno per la preghiera e ci aiuta con la sua predicazione, la sua parola, la sua ricca umanità e vicinanza.

      Per la prima volta, a motivo delle “restrizioni” imposte dalla pandemia, non potremo celebrare insieme la Settimana Santa e questo è un grande sacrificio, ma necessario; noi parroci celebreremo questi giorni santi “a porte chiuse” con la sola presenza dei ministri istituiti. Questa “fatica” ci aiuterà a capire la condizione che vivono i cristiani perseguitati o coloro che vivono in terre in cui, per la scarsità dei sacerdoti, le celebrazioni non sono possibili se non in alcune occasioni.

       Siete pertanto tutti invitati ad assistere (in TV) alle celebrazioni presiedute dal nostro Cardinale Arcivescovo Matteo Maria Zuppi (qui sotto trovate tutte le indicazioni), in attesa di poter celebrare di nuovo nella nostra bella chiesa e di poterci abbracciare con gioia.

           Siate certi che vi sono vicino, e che siete molto presenti nella mia preghiera e nel mio affetto. Vi benedico

             30 marzo 2020                                                                      don Roberto

Carissimi tutti,

                      sto raccogliendo da tante parti un pò di “sconcerto” per la decsione relativa a Domenica prossima e anche per me è la prima volta nella vita che vivo, sia da fedele che da sacerdote, la S.Messa domenicale senza il popolo. Siamo difatti in una situazione “nuova”, imprevista, di fronte alla quale però come credenti dobbiamo mettere in gioco la fede che ci garantisce che il Signore non ci abbandona, è presente e…guida la storia. Se permette questo (certo Lui non lo vuole né, come qualcuno stoltamente dice, ci punisce..al massimo ci corregge) è in vista di un bene più grande. Cerchiamo perciò di interrogarci su cosa questo ci insegna in merito alla vita (la consapevolezza del nostro “limite” e quindi…il “bisogno” di Dio), alla società (lo sviluppo economico da solo non basta; la globalizzazione è certo una ricchezza, ma presenta anche problematiche da affrontare…e molto altro), a ciò che conta davvero (in questo tempo rinunciamo anche a tanti appuntamenti, eventi che..forse..non sono poi così “necessari”…e siamo condotti a privilegiare le persone che abbiamo accanto e ad essere probabilmente più sensibili a chi è in difficoltà), quell’essenziale a cui anche la Quaresima ci invita. Non perdiamo la opportunità della preghiera e dell’ascolto della Parola di Dio…lì troviamo luce, pace e alimentiamo la fede che…sconfigge la paura.

In ogni caso la S.Messa si celebra! I sacerdoti la celebrano…per tutti! Sempre e comunque!

Questo ci aiuta anche a capire quanto ne abbiamo bisogno…senza dare nulla per scontato o automatico e riconoscendone il valore infinito.

Vi abbraccio e vi benedico.

d. Roberto

Carissimi parrocchiani,

                                          Domenica 3 giugno 2018, al termine della S.Messa della Festa della Famiglia, abbiamo benedetto e inaugurato la nuova sala parrocchialeDon Carlo Marzocchi“, dotata anche di apparecchiature audio-video. La sala sarà utilizzata per le attività giovanili e oratoriali e per le altre iniziative parrocchiali. Grazie a tutti coloro che hanno contribuito alle ingenti spese e…a coloro che contribuiranno.

    Il Signore vi benedica

                                                                          don Roberto Mastacchi

IMG_20180530_101421

img364img365

                                     

                C.F. 92015720375         

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...